Claudia Bosco

Danza Modern

Nata a Torino, inizia a danzare all’età di sette anni. Dopo anni di studio nella sua città nativa decide di approfondire i suoi studi a Roma, Parigi e New York con maestri di fama internazionale.
Viene notata da Vittoria Ottolenghi all’età di 16 anni a seguito della vittoria del Concorso “Città di Rieti”.
In seguito a questo viene invitata a danzare come solista al FESTIVA DEI DUE MONDI di Spoleto.
Nel 1995 viene ammessa al corso di perfezionamento dell’Aterballetto diretto da Amedeo Amodio.
La sua prima vera esperienza lavorativa la matura nel 1997 dove lavora per un breve periodo con la compagnia “Danza Prospettiva” di Vittorio Biagi e nello stesso anno a maggio entra a far parte della Compagnia BALLETTO DI ROMA diretto da Walter Zappolini e Franca Bartolomei. Nel 1998 viene messa in risalto all’interno della compagnia, interpretando in ruolo principale di “Cassandra”, coreografia di Luciano Cannnito. In seguito ottiene altri ruoli in “Five Seasons” sempre di Luciano Cannito.
Nel 2000 cura le coreografie e danza come ospite in uno spettacolo di Gospels al Teatro Comunale di Imola.
Per la stagione 1999/2000 è in tournée con lo spettacolo “Seduzioni” con le coreografie di Luigi Martelletta (primo ballerino del Teatro dell’Opera di Roma). Ospite della tournée Raffaele Paganini dove interpretava assieme alla compagnia il “Bolero” di Ravel, coreografato da Andre De La Roche. Inoltre per la stagione 2000/2001 lavora con la compagnia “D2” diretta da Luigi Martelletta nello spettacolo “Momenti di Tango” dove viene scelta come partner del primo ballerino Raffaele Paganini.
Nel 2003 Claudia incontra nel suo percorso il danzatore e coreografo Giuliano Peparini (Primo ballerino del Ballet Nazionale de Marseille, diretto Roland Petit). Inizia la loro lunga collaborazione, lei come assistente lo segue in Italia e all’estero per svariati stage e per la creazione di una coreografia per gli artisti di LE CIRQUE DU SOLEIL. Lavorano in Belgio per 3 mesi per una creazione diretta da Franco Dragone che si svolgerà a Las Vegas.
Da gennaio del 2004 inizia una nuova esperienza ed inizia ad insegnare a tempo pieno per la scuola di Franco Miseria a Roma e affianca anche Ranko Yokoyama. Nel 2005 danza nel Musical diretto da David Zard con le musiche di Lucio Dalla, “Tosca Amore Disperato”.
Nel 2007 si trasferisce a Ravenna dove prosegue con grande dedizione ad insegnare e diventa docente dell’ IDA BALLET ACADEMY scuola professionale per danzatori e della DEHA BALLET SCHOOL, entrambe con la direzione artistica di Steve La Chance. Negli anni la passione per l’insegnamento diventa sempre di più parte integrante nel percorso di Claudia tanto che per l’IDA nel settore della formazione tiene corsi per la qualifica di insegnanti di modern-jazz e corsi di specializzazione di modern ed inoltre prende parte come docente agli stage (Expression, Dance Up, Campus, tutti svolti a Ravenna nella sede centrale dell’IDA).
Nel settembre del 2009 vince il primo premio con la compagnia NERVITESI il concorso “Danz’è”, città di Rovereto (Festival Oriente Occidente) con lo spettacolo “Nome di Battaglia”, ballando a fianco della coreografa e interprete Carla Rizzu e con la regia di Eugenio Sideri.
Dal 2011 è docente e in seguito Direttrice Artistica del gruppo ATELIER formato da giovani danzatori che seguono un percorso formativo, preparandoli con coreografie di gruppo e assoli, vantando diversi premi e riconoscimenti in svariati Concorsi a livello nazionale.
Nel febbraio 2014 al Concorso “Expression” a Firenze viene premiata da Rio Rutzinger (Direttore artistico dei workshop di Vienna International Dance Festival), vincendo come migliore coreografa una residenza al Festival IMPULSTANZ.
Nell’aprile 2014 è premiata a Roma come miglior compagnia emergente al KONTEJNER FESTIVAL diretto da Silvia Marti e Marina Domaschi, presentando la creazione “I Colori della Natura” al Teatro Greco di Roma.
Inoltre collabora con diverse scuole per progetti e stage.
Intraprende nuove esperienze di studio e formazione dedicandosi oltre che alla danza anche al Pilates.