Arianna Benedetti

Danza Modern

Inizia lo studio della danza classica e moderna a Livorno, completando la preparazione tecnica e artistica, perfezionandosi con importanti maestri internazionali, in particolare presso lo Studio Harmonic di Parigi. In seguito si dedica all’insegnamento e alla coreografia e nel 1996 costituisce il proprio gruppo “Antitesi”.
Invitata ripetutamente a condurre stage di modern e hip-hop alla Scuola del Balletto di Toscana, è docente dal 2003 agli Stage internazionali ‘Danz&state’ di Firenze e membro della Giuria all’omonimo Concorso internazionale. Nel 2004, su invito di Cristina Bozzolini, si trasferisce a Firenze assumendo il coordinamento del Dipartimento Danza modern e contemporanea della Scuola del Balletto di Toscana pur mantenendo la direzione didattica della sua Scuola di danza a Livorno.
È invitata come docente presso la “Bommer Academy for dance” in Israele, la Compagnia di danza del musical “Notre Dame de Paris” di Riccardo Cocciante e in numerose Scuole di Danza italiane. Collabora allo sviluppo della Compagnia giovanile “Junior BallettO di ToscanA”, per la quale crea inizialmente le brevi coreografie “Emozioni tre” su musica degli Shadow, “Fuggente” su musica di Arvo Part e G. Sollima, “Guaio” su musica dei Massive Attack e di G. Sollima, qualificandola sicuro talento emergente. Ha creato coreografie su canzoni degli Avion Travel dal vivo al Gala del Festival di Todi 2006.
La collaborazione con Luca Miniati, frutto di una prassi di contaminazione tra vari linguaggi di danza, porta alla creazione di “Pariamm” su musica degli Spaccanapoli, balletto di vivace spirito partenopeo. Seguono le coreografie “La Terra del Rimorso”, ‘Modernismo’ e “MeEM”.
Nel 2009 realizza “Il Filo di Arianna” su commissione del Circuito Arteven per il Teatro Toniolo di Mestre, basato su un breve duetto maschile ispirato al mito del Minotauro, con musica dal vivo realizzata per batteria elettronica da Federico Bigonzetti.
Nel 2010 crea “Quant’è bella giovinezza che si fugge tuttavia..” e in collaborazione con Eugenio Scigliano “..chi vuol esser lieto sia..”, esibendosi in prestigiosi teatri italiani.
Nel 2011 realizza “Angue” per il Maggio Danza al teatro Goldoni di Firenze e nello stesso anno la nuova produzione ”Maschere” con la sua compagnia giovanile” Antitesi Ensemble” in tournée nei teatri di Rifredi, Villa Strozzi, Stazione Leopolda nel festival Fabbrica Europa di Firenze e a Treviso, Verona, Arezzo e altri. Dal 2012, si dedica ad approfondire il lavoro coreografico. Nello stesso anno è docente in numerose scuole italiane.
Descrizione del lavoro: L’interesse per la ricerca coreografica ha generato la costruzione di una danza articolata in linee trasversali ed in una pluralità di linguaggi espressivi, animando forme corporee e dinamiche minimaliste, stimolando anche l’emotività e la creatività individuale in un rapporto non casuale con le scelte musicali. La coreografia, più che impostare sequenze rigide, stimola la sensibilità degli interpreti, orientando azioni e reazioni con margini di libertà e di improvvisazione con particolari e sfumature di una elegante gestualità.