Otello

coreografia e regia di Arianna Benedetti (2014)

Regia e coreografia Arianna Benedetti

Musiche Giuseppe Verdi, Massimo Buffetti

Interpreti danzatori Camilla Bizzi, Boris Desplan, Lorenzo Di Rocco, Roberto Doveri, Gianmarco Martini Zani, Chiara Mocci, Giulia Orlando, Jennifer Rosati, Gabriele Vernich.

Maître de ballet Bruno Milo

Consulenza drammaturgica Edoardo Bacchelli

Light designer Carlo Cerri

Direttore tecnico e luci Alessandro Ruggiero

Assistente tecnico e fonica Orso Casprini

Arrangiamento musicale Roberto Nigro

Ideazione costumi Arianna Benedetti

Realizzazione costumi Niccolò Gabbrielli

Foto e Video Salvatore Abrescia

Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

Passato, presente, sentimenti eterni; una classicità viva e tuttora vibrante nei versi di Shakespeare che ci catapulta, anzi ci getta con violenza nell’attualità più drammatica dei nostri giorni: Otello e Desdemona, forse non il primo femminicidio della storia, senza dubbio, però, quello più famoso, più forte, più attuale. Ora, come allora. La gelosia che diviene patologia e fa sì che gli uomini, resi incapaci di vedere l’amore dalla brama di possesso, si arroghino il diritto di punire con la morte le loro donne, le loro vittime. Ecco il punto cardine su cui si impernia questo particolare lavoro coreografico: la sfida di portare sul palcoscenico della danza la forza del dramma di Otello con tutto il suo carico di attualità e modernità facendolo vivere nei suoi mille contrasti e nelle sue infinite sfaccettature. Diventano così vere e reali una dopo l’altra: dieci, cento, mille Desdemone che danzano insieme, compongono e scompongono i loro corpi e i loro sentimenti, piccole tessere di un mosaico animato e complesso, fermo immagine della condizione umiliante e, al tempo stesso, violenta a cui la società le obbliga a vivere. La rabbia di Desdemona è la rabbia di tutte le donne costrette all’impotenza persino da un oggetto semplice come un fazzoletto, un oggetto che può diventare ossessione.

Dossier su Otello

 

 

Debutto 14 FEBBRAIO 2014 (sold out) e replica straordinaria 15 FEBBRAIO ore 17:00 al Teatro Cantiere Florida (Via Pisana, 111/r FIRENZE)

Un debutto strepitoso, i ringraziamenti di Rosanna Brocanello

Grazie di cuore a tutti…

Voglio ringraziare personalmente e pubblicamente tutte le persone che hanno contribuito al grande successo dell’Otello della compagnia Opus Ballet, lo scorso 14 e 15 febbraio. Come molti di voi sanno, dietro la creazione di uno spettacolo che sia capace di restituire al pubblico piacere, pensieri, poetica, emozioni… ci sono molte persone e moltissimi giorni di lavoro.

La nuova produzione della compagnia Opus Ballet, Otello, è un progetto nato molti mesi fa, grazie ad Arianna Benedetti cui va il mio primo sincero ringraziamento.
Era un progetto ambizioso, lo sapevamo, che tutti siamo stati felici e determinati di portare fino in fondo. Tutti, ma primi tra tutti, il gruppo dei nove giovanissimi e incredibili artisti della compagnia Opus Ballet che hanno dato corpo, anima e movimento al lavoro sulla scena.
E un grazie particolare a Bruno Milo, che ci ha aiutato e seguito con grande professionalità, con il suo spirito generoso. Grazie speciale anche al caro Daniel, che non mi ha mai lasciata sola nelle decisioni importanti!

Beh, so che qui non posso ricordare tutto e tutti come vorrei.
Però devo almeno ricordare l’enorme professionalità e l’abnegazione dei nostri tecnici, da Alessandro Ruggiero e Orso Casprini, che hanno dato cuore e spessore allo straordinario disegno luci di Carlo Cerri, un grandissimo artista, amico e professionista che ci ha onorato con la sua straordinaria collaborazione.
E non posso dimenticare nemmeno tutto il lavoro che in scena c’è (!), ma spesso non si vede.
Grazie a tutti i ragazzi che hanno lavorato affinché lo spettacolo arrivasse in scena: l’organizzazione, la comunicazione, la promozione, l’amministrazione… e poi ancora grazie a tutto lo staff del Teatro Cantiere Florida che si conferma un importantissimo e sensibile luogo per la danza unico a Firenze.
Grazie a tutto l’Opus Ballet insomma e ultimo, ma non meno importante, un sincero e caloroso grazie alle Istituzioni, agli ospiti, agli amici e al pubblico che ci ha aiutato a coronare e ripagare questo meraviglioso successo per lo spettacolo di danza che ho il piacere di condividere con tutti voi. Grazie, grazie, grazie.

Rosanna Brocanello
direttrice artistica della compagnia Opus Ballet

Compagnia Opus Ballet, direzione artistica di Rosanna Brocanello

produzione della Compagnia Opus Ballet con il sostegno della Regione Toscana