Notizie

  • VALENTINA ZAPPA

    Valentina Zappa nasce a Siena il 15-05-1992.Dal 2007 accede alla “Scuola Del Balletto Di Toscana”. Nel 2010 entra a far parte della compagnia giovanile “Antitesi Ensemble BDT”, diretta da Arianna Benedetti. Dal 2010 al 2013 lavora nella compagnia “Antesi Ensemble BDT, partecipando a tutte le produzioni. Dal 2014 entra a far parte dell’organico danzatori della compagnia “Opus Ballet, prendendo parte alle produzioni di Arianna Benedetti, Samuele Cardini, Philippe Talard. Nel 2015 prende parte al lungometraggio “The Rite of City II” diretto da Maurice Lai e coreografato da Noel Pong.

    Partecipa come danzatrice a un video musicale del musicista Michel Fadel.

    Dal 2017 inizia a lavorare all’estero (Lussemburgo, Germania, Finlandia) come ballerina freelance lavorando con Jean-Guillaume Weis (Dance Theatre Luxembourg), Hannah Ma (The People United), Giovanni Zazzera, Saeed Hani.

    Prende parte ad un progetto site-specific diretto dal coreografo Sang Jijia all’interno del festival

    Fabbrica Europa e presentato anche al Festival CCDC di Hong Kong.

    Nel 2019 vincitrice del bando “Crossing the Sea” con un progetto in collaborazione con gli artisti Giovanfrancesco Giannini e Fabio Novembrini.

    Attualmente lavora come ballerina freelance.

  • VALENTINA ZAPPA

    Valentina Zappa nasce a Siena il 15-05-1992.Dal 2007 accede alla “Scuola Del Balletto Di Toscana”. Nel 2010 entra a far parte della compagnia giovanile “Antitesi Ensemble BDT”, diretta da Arianna Benedetti. Dal 2010 al 2013 lavora nella compagnia “Antesi Ensemble BDT, partecipando a tutte le produzioni. Dal 2014 entra a far parte dell’organico danzatori della compagnia “Opus Ballet, prendendo parte alle produzioni di Arianna Benedetti, Samuele Cardini, Philippe Talard. Nel 2015 prende parte al lungometraggio “The Rite of City II” diretto da Maurice Lai e coreografato da Noel Pong.

    Partecipa come danzatrice a un video musicale del musicista Michel Fadel.

    Dal 2017 inizia a lavorare all’estero (Lussemburgo, Germania, Finlandia) come ballerina freelance lavorando con Jean-Guillaume Weis (Dance Theatre Luxembourg), Hannah Ma (The People United), Giovanni Zazzera, Saeed Hani.

    Prende parte ad un progetto site-specific diretto dal coreografo Sang Jijia all’interno del festival

    Fabbrica Europa e presentato anche al Festival CCDC di Hong Kong.

    Nel 2019 vincitrice del bando “Crossing the Sea” con un progetto in collaborazione con gli artisti Giovanfrancesco Giannini e Fabio Novembrini.

    Attualmente lavora come ballerina freelance.

  • DIEGO SINNIGER

    Danzatore e Coreografo spagnolo, si definisce “senza etichetta”, si sente infatti legato a ogni tipo di espressione artistica mediata dalla sensibilità individuale di ogni performer. Lavora sul movimento secondo una tecnica da lui sviluppata e chiamata “coscienza muscolare” (un mix di danza contemporanea, hip hop, arti circensi ed arti marziali). Inizia la sua carriera tra la Spagna e New York nell’ambito della danza urbana. Lavora in progetti nazionali e internazionali come Brodas Bros, Uniq, Dblock, A Base de Bases, mentre continua il suo percorso formativo nell’ambito della danza contemporanea tra la Spagna, la Francia, Bruxelles e la Germania. Durante i suoi periodi all’estero, partecipa a diverse manifestazioni di rilievo quali Varium Barcellona, Cobosmika Seeds Palamos, Festival Deltebre Dansa e riceve insegnamento da coreografi importanti tra cui Wim Vandekeybus, Elena Fokina, Peter Jasko, Anton Laschky, Jordi Cortés, Laura Aris e Francisco Cordoba.
    Ha lavorato come coreografo e performer in DISCONNeCTLIOV e PaH, collaborando in simultanea con diverse compagnie tra le quali la compagnia Lali Ayguadé per UanMiKokoro (grande successo di pubblico e critica a Interplay/18) e SABA, Roser Lopez Espinosa per Noviembre, Ziomara Hormaetxe per Biopiracy e compagnia Cobosmika per O.T.A. e Scrakeja’t.

  • GIOVANNI GAVA LEONARDUZZI

    Giovanni Gava Leonarduzzi inizia il suo percorso con la parola “B-Boy”, nella breakdance, dove è attivo dal 1997.Ha iniziato rapidamente a cercare una strada alternativa in questo tipo di movimento, cercando di crearne una sua identità e creazione di un nuovo linguaggio che ora potrebbe essere definito “sperimentale”. Tutto quello che ha creato in questi 20 anni nasce dal footwork, che prevede l’uso delle mani e piedi nel pavimento. Da questa tecnica ha iniziato una ricerca oltre il semplice gesto. La caratteristica principale di questa ricerca è quella di astrarre il movimento nato dalla break dance. Dal 2012 sta lavorando a due progetti diversi e paralleli: come breakdance performer e come coreografo e performer della compagnia di danza Bellanda.

    2013 finalista al “Premio Equilibrio Roma” con una sua creazione “Senza saper né leggere ne scrivere”.

    2016 ha lavorato in diverse compagnie come il Balletto Civile di Michela Lucenti in “Orfeo Rave”e “Prima della pausa”; MN Dance Company in “Conspiracy of Silence”.

    Ha partecipato a molte residenze artistiche, comeArtefici- residenze creative FVG, Anticori XL; e Festival di elevata importanza, “FuoriFormato” (Genova), “Corto in Danza” (Cagliari). Menzione Speciale del Premio della Giuria e Premio Extension tour a 24MasDanza. Eseguito il brano “Sono Solo Tuo Padre” a Quinzena de danca de Almada.

    2019 sta lavorando con la mia Compagnia Bellanda al progetto “Fioriture”, che ha già debuttato.

  • FRANCESCO MANGIAPANE

    Francesco Mangiapane nasce a Firenze nel 1987. Conclusa una prima formazione presso la scuola del Balletto di toscana si perfeziona presso l’Accademia nazionale di danza (Roma) conseguendo la Laurea in Discipline coreutiche con il progetto – Chroma Key – esposto presso la galleria d’arte contemporanea, Treespace Gallery (Londra).

    Danza in coreografie di: Ismael Ivo, Alessandro Bigonzetti, Ranko Yokoyama, Joseph Fontano ed altri celebri coreografi nel panorama internazionale.

    Docente di tecnica della danza contemporanea e composizione coreografica dal 2006, collabora con alcune tra le più prestigiose realtà formative italiane ed estere.

    Nel 2021 fonda Rame dance phylum, un progetto creativo all’interno del quale promuovere e sperimentare il proprio linguaggio creativo che si arricchisce grazie alla collaborazione con giovani musicisti e danzatori italiani. Crea per la compagnia – Mormora – (Solo Coreografico ‘21 Tunisia) e – De Causis Naturae

  • LALY AYGUADE

    Lali Ayguadé è nata a Barcellona nel 1980. Si è unita al Conservatorio Liceu di Barcellona, all’Institut del Teatre di Barcellona per la danza nel 1996 e dopo un anno, ha deciso di allenarsi a PARTS (Belgio).

    Ha lavorato con Publik Eye Company in Danimarca, Akram Khan Company, Enclave Dance Company, con Marcos Morau di La Veronal.

    Nel 2010, è stata nominata “ballerina eccezionale” per i premi della critica di Londra, e nel 2014 come “miglior creatore”. Nel 2016, è stata anche nominata come “Migliore ballerina” per i premi della critica “Recomana.cat” a Barcellona.

    Ha recitato nel cortometraggio “TIMECODE” che è stato premiato con il Palme d’Oro al Festival de Cannes, il Goya Award, il Gaudi Award ed è stato nominato agli Oscar 2016 tra gli altri.